fbpx
Categoria

Diario

Categoria

Innamorato

Ieri era San Valentino. Così, nel caso non ve ne foste accorti.Prima di iniziare, quindi, propongo un bel corale “Chissenefrega!”.Ecco, ora va meglio 😉 Prendo, però, spunto da questa data (14 febbraio), per parlarvi dell’amore. No, tranquilli, nessuna lezione da coma diabetico!Anche perché io sarei l’ultimo in grado di parlarvi di questo tema.Voglio solo condividere con voi il mio sentimento più puro, totalizzante, incondizionato: l’amore per le mie figlie. Più volte mi sento dire: “Ovvio che tu sia innamorato delle tue figlie!”. Onestamente io non lo darei per scontato. E’ un sentimento come tutti gli altri: potrebbe anche avere valori e intensità diverse.Quello che provo per loro è forse molto di più di “amore”.Proviamo a stendere un elenco di ciò che è per ciascuno di noi. Inizio io: è protezioneè curaè supportoè fiduciaè crescita E’… non so, aggiungete voi quello che volete. Ognuno vive in maniera diversa questo rapporto così…

I compiti sono serviti

L’argomento “compiti a casa” è uno dei più discussi dalle famiglie italiane.Provate a dire di no! Ogni giorno si consumano scene di dolore e tortura, in cui i protagonisti sono i nostri figli, “costretti” con la forza (brutta cosa) a svolgere i compiti assegnati dai malefici maestri o professori.E vogliamo parlare di ciò che accade durante i fine settimana?Voi scherzate e ridete, ma io ho assistito a scene deliranti, veramente difficili da gestire. I bambini sono così e lo siamo stati anche noi a nostro tempo: se c’è da fare qualche compito, loro spariscono. Puf! Che fare quindi?Io sono l’ultimo a potervi dare dei consigli, a parte uno che ci tengo invece a farvi sapere.Non ho mai (e sottolineo MAI) fatto i compiti insieme alle mie figlie.Loro fin dalla prima elementare (Carolina è in prima) sanno che entro la domenica sera devono svolgere tutti i compiti assegnati. Punto.Li fanno adesso,…

I giorni della merla: perché si chiamano così?

29, 30 e 31 gennaio: tradizionalmente sono i giorni della merla. E noi ci siamo proprio in mezzo!Effettivamente, guardando il meteo di questi giorni, tutto torna! Ma come mai si festeggiano proprio questi giorni? Ecco una storia che potete raccontare ai vostri bambini sui giorni che per tradizione sono i più freddi dell’anno. Secondo la leggenda una merla bianca era perseguitata dal mese di gennaio, che allora aveva 28 giorni. Gennaio si divertiva ad aspettare che la merla uscisse dal nido per cercare cibo e ricoprire la terra di freddo e gelo. La merla decise di fare provviste per tutto il mese, ritirandosi poi nel suo nido. Il 28 così la merla, credendo di aver ingannato Gennaio, uscì e iniziò a cinguettare per prenderlo in giro. L’offesa arrecata fu tale che il primo mese dell’anno chiese tre giorni in prestito a Febbraio e li utilizzò per scatenare bufere di neve, vento gelido e pioggia. La…

10 alimenti detox per sgonfiare la pancetta

Ho letto che gli uomini con la pancetta sono più affascinanti.Mi sembra un’ottima notizia! ;-)Tutto fantastico, se non fosse che è la nostra salute a rimetterci; quindi, vi riporto un piccolo elenco di alimenti che aiutano ad avere una pancia piatta e sgonfia. 1. Acqua Al primo posto sia per importanza che per quantità da consumare ritroviamo sicuramente l’acqua. Che scoperta, mi direte! Mica tanto, se consideriamo che durante la giornata ne beviamo sempre troppo poca! Il suo adeguato consumo, soprattutto nelle fasi detossificanti, permette all’organismo di eliminare più efficacemente tutte le tossine idrosolubili, di migliorare le funzionalità dell’intestino e di ottimizzare sia i processi metabolici che digestivi. In questi momenti potrai provare ad optare per un’acqua a basso residuo, particolarmente efficace per l’azione drenante, o per un’acqua magnesica, in grado di supportare adeguatamente la funzionalità epatica e intestinale. 2. Mele e carote Quel che si dice: frutta e verdura!La mela e la…

La musica fa bene al cuore

Per il secondo anno GSD Foundation sarà Charity Partner di Radio Italia al Festival di Sanremo. Unico ente benefico presente alla manifestazione, la Fondazione metterà all’asta un’esclusiva chitarra autografata da tutti i protagonisti del Festival che passeranno dagli studi di Radio Italia “Fuori Sanremo by Lancôme”, allestiti presso l’Hotel Londra di Sanremo. Dal 4 al 14 febbraio sarà possibile fare la propria offerta su charitystars.com per aggiudicarsi questo oggetto unico e fare del bene. E’ attiva su Charitystars anche un’asta che mette a disposizione dei pass per un pomeriggio esclusivo in compagnia di Radio Italia e assistere dal vivo alle interviste pomeridiane con tutti protagonisti del Festival. Il ricavato dell’asta benefica sarà interamente devoluto a “COR, LA RICERCA ITALIANA SUL CUORE”: un progetto della GSD FOUNDATION per la prevenzione, sensibilizzazione e ricerca sulle malattie cardiovascolari. Oltre all’asta, durante il Festival di Sanremo sarà presente un corner in Piazza Colombo dove…

2019: le novità sul congedo paternità

Ormai non avrò più questa possibilità, ma credo sia importante che tutti i futuri genitori conoscano le novità introdotte dall”approvazione della Legge di Bilancio 2019:il congedo di paternità è stato riconfermato. Congedo papà 2019, cosa cambia Il congedo di paternità è stato allungato di 24 ore. In sostanza, i neo papà potranno fare 5 giorni di assenza retribuita dal lavoro e obbligatoria, chiedendo un giorno in più facoltativo e arrivando così, in totale, a 6 giorni (a patto che l’ultimo ne sostituisca uno di congedo destinato alla mamma e che venga goduto entro 5 mesi dalla nascita). La Legge di Bilancio del 2017 aveva previsto per le nascite del 2018 l’aumento del congedo obbligatorio da due a quattro giorni: una grande conquista, per i neo papà e per le neo mamme, da difendere. Quest’anno è stato fatto anche di più: il congedo è stato esteso a cinque giorni. Oltre ai 5 giorni…

Natale è…

Come padre non dovrei dire certe cose.Ma non riesco a non essere sincero: a me il Natale non piace!Ecco, l’ho detto. Adesso insultatemi pure. Non è una questione legata al suo essere “troppo commerciale, troppo religioso o troppo e basta”.E’ che mi ricorda momenti che ora non posso più vivere, per svariati motivi, e questa cosa mi dà una profonda tristezza. In ogni caso, ora voglio solo pensare a tutto ciò che di bello questi ultimi 3 Natali mi hanno portato. Parto con le persone. Gli amici. I parenti. Gli sconosciuti. Tutti, a modo loro, mi hanno trasmesso calore attraverso una parola, un abbraccio, un messaggio o semplicemente uno sguardo.Penso ai miei genitori e a quanto ogni giorno abbiano fatto e facciano tutt’ora per me…beh, mi emoziono. Sono inarrivabili, perfetti loro.Penso a tutta la mia famiglia, alle telefonate con le mie cugine, ai pranzi con gli zii, alle feste con…