fbpx

Fivetta è una cicogna, che parla di fecondazione assistita.
Lo so, non è un tema semplice che si può esaurire in un post.
Ma quando mi ha scritto Silvia Mangone per parlarmi del suo libro, mi sono venuti i brividi.

Solo chi ci è passato, conosce quale risvolto psicologico abbia un percorso come la fecondazione assistita. Un risvolto che parte molto prima della fecondazione in sé. Inizia quando scopri che ci sono dei problemi o che addirittura non puoi avere figli. E poi prosegue fino al momento in cui ti metti in gioco e decidi di provarci.

Questo vale sia per una donna, che in più porta su di sé anche uno sconvolgimento fisico non indifferente, ma anche per un uomo.

Ecco perché il libro di Silvia è un messaggio stupendo di speranza e uno strumento utilissimo di conoscenza.
La cicogna FIVETTA
 è una favola sulla nascita per i bambini nati in provetta e per i loro genitori. Come raccontare al proprio figlio che è nato grazie alla scienza e all’ostinato amore di mamma e papà?

Questo libro vuole essere uno strumento in più per i moderni genitori, sempre di più, che riescono a diventarlo grazie alla fecondazione assistita e non solo.

E’ Silvia stessa che si/ci chiede: “Sì ma che è sta Fivetta? Mica una storia triste senza lieto fine?

“Fivetta è un lieto fine per eccellenza, ma soprattutto vuole essere un ‘lieto mentre’, un dolce crederci, un provarci fortemente con l’audacia e la tenacia di quelle coppie che attraversano il percorso della PMA a piedi pari saltando mano nella mano dentro ‘la malattia del vuoto’, la sterilità. E’ un sogno che si riscopre possibilità, forza e realtà.
Fivetta è una storia illustrata curativa, una storia di amore, di amicizia, di incantesimo. Ed è la storia che io leggerò a mio figlio nato da ICSI”.

Una bellissima testimonianza. Piena di speranza.
Per ordinare il libro, potete cliccare qui: https://marteshop.it/libri/la-cicogna-fivetta

Qui invece trovate tutte le informazioni su Fivetta! https://www.fivetta.it/

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento