fbpx

Ieri sera al telefono mia mamma mi chiede: “Che cosa prepari da mangiare stasera?”

Ecco, si metta a verbale che io non so cucinare!!
Ma una cosa che so fare bene sono i mestieri di casa.
E quindi vi tedierò fino alla morte con consigli su come lavare, pulire, stirare, etc…

Iniziamo con il bucato in lavatrice!
Ecco i miei capisaldi. Se ne avete altri da suggerire, scrivetemi subito!

  1. Separo i capi, in modo da fare lavaggi con le condizioni più appropriate, ma riempio sempre la lavatrice completamente, pur assicurando che i capi si possano muovere nel bagno di lavaggio. (Per i lavaggi delicati, riduco il carico a 2/3).
  2. Lavo a bassa temperatura: i detersivi e le lavatrici moderne consentono di raggiungere a 30/40° i risultati che una volta erano possibili solo a 60°.
  3. Doso accuratamente il detersivo: un dosaggio eccessivo non serve, può anzi ostacolare il risciacquo, ma non dimentichiamoci della durezza dell’acqua, seguendo i dosaggi raccomandati. Talvolta, potrebbe essere consigliato l’uso dell’aceto per ridurre il calcare dell’acqua: attenzione! Assieme al detersivo è un non-senso, perché aceto e detersivo si neutralizzano a vicenda; se il tuo normale detersivo non è sufficiente, perché l’acqua che usi è molto dura, considera piuttosto l’uso di prodotti decalcificanti.
  4. Mi assicuro sempre che i capi che lavo non abbiano parti che si staccano (bottoni, fibbie, ma anche monete, spille…) che possano danneggiare la lavatrice.
  5. Se lavo normalmente a bassa temperatura e questo mi dà risultati sufficienti, effettuo ogni tanto (una volta al mese) un lavaggio a 60° con un detersivo in polvere o usando un additivo sbiancante: si evita l’annidarsi di batteri e muffe nella lavatrice e la formazione di odori sgradevoli.
  6. Uso sempre detersivi di buona qualità, possibilmente concentrati: i buoni risultati permettono anche di ridurre il quantitativo di ingredienti chimici e di materiale d’imballaggio.

papaimperfetto.it

Tutto chiaro?

E voi avete delle regole su come fare la lavatrice?

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento