fbpx

Tanto manca un sacco di tempo.
Poi, dai uno sguardo al calendario e scopri che il giorno tanto atteso è arrivato.

Sto parlando del primo giorno di scuola. Quest’anno, per me, speciale.
Due inizi importanti (tutti gli inizi sono importanti, ndr): prima elementare per Carolina e prima media per Benedetta.

Tralascio l’esaurimento nervoso che mi è venuto per portare a compimento le iscrizioni, i colloqui, i documenti, le scartoffie varie, le telefonate, etc etc.

Concentriamoci sul grande momento.
Sveglia presto, dopo una notte insonne…per me, eh, mica per loro!

Alle 9 apertura dei cancelli della scuola media. Fuori un gruppo di ragazzini e ragazzine intimiditi con al seguito genitori tirati a lucido manco fosse un matrimonio. Ma si sa, la prima apparenza è quella che conta!
Entriamo sorridendo a destra e manca, facendo finta di conoscere un sacco di gente (ciao, uè, tutto bene?, ma chi ti conosce…) e arriviamo in aula magna, dove sono già schierate stile Ultimo Imperatore le docenti e la vice preside.
I ragazzi attendono la chiamata del loro nome, con un misto di emozione e paura.
Sono bellissimi tutti. Per loro sta iniziando un nuovo importante capitolo della vita.
Poi, uno sguardo veloce alla mamma o al papà e via, spariscono con i loro insegnanti.
A me batte forte il cuore. Buon inizio, Amore mio!

Fine del coma diabetico.
Guardo l’orologio e caxxxx…alle 10 dobbiamo essere alla scuola elementare per accompagnare Carolina.
Via di corsa! Anzi, non troppo di corsa, perché fa un caldo atroce e poi arrivo tutto fradicio…e dove la metto la prima apparenza???
Arriviamo, salutiamo, sorridiamo (vedi sopra) e poi guardo Carolina. Ha lo zaino, come una bimba grande, due occhioni enormi che brillano di gioia e un’eccitazione che neanche alla finale del mondiale di calcio 2006…
Il copione si ripete.
E io mi lascio scappare una lacrima. Di gioia. Di emozione.
Buon inizio, Amore  mio!

Buon inizio, ragazzi! Fatene tesoro.

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento