fbpx

Non vi sto parlando di come vestire i vostri figli/e, ma di come mia figlia ha deciso di vestirsi per il giorno della sua Prima Comunione.
Infatti spesso pensiamo che la prima comunione sia un evento che merita l’abito bianco, pizzettato, lungo o corto con le scarpine bianche e fiocchi come se  non ci fosse un domani.

Bene, quest’anno tocca a me con la grande e proprio lei, Benedetta, senza alcun indugio mi fa: “Non voglio mettere il vestito”.
Punto.
Fine delle trattative (perché, erano iniziate?).
Risultato: io che cado nello sconforto…niente abitino bianco, niente cerchietto fiorato, niente lacrime a cuoricino.

Poi, Benedetta continua (infierendo): “Voglio una maglietta bianca, un paio di pantaloni comodi e le all star ai piedi”.
Ma che ho fatto di male io?????
Poi mi sono fermato a riflettere e ho capito che Benedetta mi stava dando una bella lezione di vita: a lei importa ciò che accadrà quel giorno a livello religioso e personale. E’ un passaggio. Una crescita importante. E poi le importa stare con chi vuole lei. Quindi pochi fronzoli e più sostanza.

Risultato? Ve lo faccio vedere. Io lo trovo bellissimo! Ai piedi sono riuscito a strappare le ballerine in chiesa e le all star al pranzo, che non si svolgerà in qualche location esclusiva, ma al bar del Museo del Fumetto di Milano (il Boom!) a suon di hamburger e patatine.
Con i suoi amati cuginetti (e neanche tutti!).

papaimperfetto.it

I pantaloni sono di Zara Kids:
https://www.zara.com/it/it/bambini-bambina-nuovi-arrivi-l391.html?v1=806503

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

4 Commenti

Scrivi un commento