fbpx

Dopo il successo delle anteprime dello scorso dicembre a Milano, Torino e Lugano, con dieci repliche sold out ed un totale di più di 12.000 spettatori di cui quasi 3.200 bambini, debutta la nuova tournée nazionale di A Christmas Carol – il musical, seconda produzione originale della Compagnia Bit dopo Il Principe Ranocchio.

Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Charles Dickens, questa importante produzione di A Christmas Carol possiede tutti i requisiti che lo rendono un musical incantevole, straordinario ed emozionante.

Il testo, già di per sé molto teatrale, non ha avuto bisogno di grandi trasformazioni, è volutamente fedele all’originale e desidera rendere omaggio al suo autore e ad uno dei romanzi più commoventi sul Natale.

Molto efficace è l’impatto delle scenografie il cui riferimento iconografico è quello tradizionale dickensiano: tavoli di legno, addobbi, vetrate appannate con infissi in ferro, si respira tutta l’atmosfera della Londra ottocentesca, anche i suoi odori, la sua nebbia, il clima di festa nell’aria, il calore della famiglia, il suono allegro dei bambini .

L’importante macchina scenica è accompagnata da sorprendenti effetti speciali che contribuiscono a ricreare tutta la magia che coinvolge ed emoziona e a far rivivere al pubblico l’atmosfera incantevole del Natale.

Ad arricchire il palcoscenico colorate coreografie, 150 costumi in stile, liriche originali ed una intensa colonna sonora, un cast di oltre venti persone tra attori e comparse e la partecipazione di una trentina di bambini, scelti dopo accurate selezioni lo scorso maggio, che si alterneranno nelle varie date di tournée.

Nuova sfida della compagnia torinese, A Christmas Carolil musical è un’operazione più matura delle precedenti e nonostante sia un family show si rivolge questa volta non solo ai bambini ma ad un pubblico più adulto, regalando due ore intense di divertimento e di stupore, momenti magici ed indelebili.

LA STORIA

Il vecchio Ebenezer Scrooge, dopo la morte del suo socio d’affari Jacob Marley, continua a condurre il suo banco d’affari con cinica avarizia rifuggendo da ogni rapporto umano e affamando il suo sfortunato impiegato Bob Cratchit. Scrooge odia il Natale e nemmeno l’invito a cena di suo nipote riesce a fargli cambiare idea. La notte della vigilia riceve la visita del fantasma del suo defunto socio Jacob Marley che gli annuncia la visita di tre spiriti. Lo spirito dei Natali passati gli mostra gli errori della sua vita passata, lo spirito del Natale presente gli fa vedere la felicità che il Natale genera nella gente, mentre lo spirito dei Natali futuri gli mostra il suo orrendo destino qualora non modificasse la vita che ora conduce. Dopo la visita degli spiriti Scrooge si risveglia la mattina di Natale profondamente cambiato nell’anima. D’ora in poi non mancherà mai di festeggiare il Natale e non perderà nessuna occasione per fare del bene.

papaimperfetto.it

NOTE DI REGIA

Ebenezer Scrooge compie una trasformazione, un cambiamento importante la notte della vigilia di Natale. Il Natale può essere un’occasione in cui potersi fermare a riflettere, un momento per porsi in maniera propositiva verso il cambiamento. Il Natale diventa un’occasione per un coraggioso atto di trasformazione, che ognuno di noi vorrebbe fare ma che spesso dimentica.

Melina Pellicano, regista e autrice del libretto dello spettacolo dichiara che nell’adattamento al musical ha voluto essere il più fedele possibile al romanzo perché la scrittura di C. Dickens è già di per sé molto teatrale.

“Certo c’è qualche differenza nella vicenda e nei personaggi – dichiara la regista – ma sempre nel rispetto del racconto originale e nello spirito di Dickens. Questo è stato voluto ed è un piccolo modo personale per rendere omaggio allo scrittore.”

“Ho scelto di aprire lo spettacolo con il monologo e la canzone del piccolo Tim (il figlio piccolo di Bob Cratchit, impiegato di Scrooge), per affidare ad un bambino il compito di spiegare “come stanno le cose veramente”, per spiegare al pubblico il punto di vista di un bambino che guarda al mondo con occhi limpidi e senza giudizio. Tiny Tim racconta infatti che Scrooge “non è capace di sorridere ed è sempre in collera con chiunque gli rivolga la parola” ma che in realtà “è soltanto solo” e nessuno dovrebbe rimanere solo a Natale.”

La solitudine di Scrooge e la sua ricchezza economica sono in contrapposizione con la serenità della famiglia e la modesta situazione sociale degli altri personaggi.

La ricchezza d’animo e il coraggio di far fronte ad una situazione poco agiata sono la vera ricchezza. E’ un concetto vecchio ma assolutamente attuale.

papaimperfetto.it

TOUR 2018/2019 

Dal 28 novembre al 2 dicembre   Genova           Politeama Genovese

8 e 9 dicembre                                 Milano            Teatro Carcano

15 dicembre                                      Livorno           Teatro Goldoni

16 dicembre                                      Grosseto         Teatro Moderno

18 dicembre                                      Foggia             Teatro San Severo

21 dicembre                                      Udine              Teatro Nuovo Giovanni da Udine

22 e 23 dicembre                             Verona            Teatro Nuovo

25 dicembre                                      Torino             Teatro Alfieri

27 dicembre                                      Asti                  Teatro Alfieri

28 dicembre                                     Varese             Teatro Openjobmetis

5 gennaio                                          Novara            Teatro Coccia

Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 010.8692530 – 348.4106061
Biglietti in vendita on line: www.ticketone.itwww.magicticket.itwww.happyticket.it

Video teaser: https://www.youtube.com/watch?v=_isux_dexG4&feature=youtu.be
Sito web: www.achristmascarolmusical.it
Facebook: www.facebook.com/achristmascarolmusical
Compagnia Bit: www.compagniabit.com

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento