fbpx

Il 93% delle persone confessa di avere almeno un TIC e tu?

Io rispondo con una domanda: “Uno solo?” 😀

Vi do subito la notizia: dal 29 marzo al 7 aprile è in scena TOC TOC La grande commedia scritta da Laurent Baffie. 
In scena Sandra Milo, Arianna, Massimiliano Vado, Guido Ruffa, Alessandra Sarno, Andrea Beltramo e Nicoletta Nigro diretti da Claudio Insegno.

Toc Toc è uno spettacolo che tutti dovremmo vedere. Nell’anticamera di un luminare della neuropsichiatria, sei pazienti attendono il loro turno: ognuno di essi è affetto da TOC (tic ossessivo compulsivo).
Il medico è in ritardo e i pazienti per ingannare il tempo iniziano a confidarsi tra di loro tanto da mettere in piedi una sorta di terapia di gruppo, dove i vari TOC danno vita ad una serie di gag ed esilaranti situazioni; l’improvvisata terapia alla fine sarà la loro miglior medicina.

Questa divertentissima commedia, ricca di humor ma anche di un pizzico di cattiveria e tenerezza, è stata scritta nel 2005 da Laurent Baffie. Il pubblico si immedesima nei personaggi (chi, anche solo sporadicamente, non ha sperimentato un TOC?) non potendo, al tempo stesso, trattenere la risata (liberatoria?) per le situazioni in cui i protagonisti creano inconsciamente.

Fin qui la notizia.
Allora che ho fatto? Ho voluto indagare su che cosa sta dietro uno spettacolo del genere. E che c’è di meglio di fare due chiacchiere con uno dei suoi protagonisti?
Ho chiamato Andrea Beltramo e mi sono fatto spiegare qualche aneddoto…ah, mi ha svelato il finale, ma io non posso dirvelo!

Andrea è un attore di teatro e cinema, un doppiatore, ma forse voi lo conoscete perché è il conduttore della trasmissione “L’albero azzurro” in onda su Rai Yo Yo.
Che personaggio interpreti, Andrea?
Interpreto Otto, un progettista che ha l’ossessione per l’ordine e la simmetria, ma con un tic molto strano: non sopporta di camminare sulle linee!
Che succede sulla scena?
In scena c’è un gruppo di persone, tutte pazienti di un neuropsichiatra che è in ritardo, che si ritrovano a dover decidere se andarsene a casa o se fare un giro di presentazioni per conoscersi meglio.
La seconda ipotesi ha la meglio e da lì si creano situazioni e momenti davvero esilaranti, scanditi dai diversi tic che accomunano questi personaggi. Con un finale a sorpresa…
(che non vi svelo neanche sotto tortura, ndr)
Come è stato preparato uno spettacolo del genere?
All’inizio confesso che tutti eravamo un po’ spaesati: arrivi, guardi il copione, sai a malapena che personaggio devi interpretare e sei comunque spaventato dalle tante battute. Poi, grazie alla magia del teatro, lentamente ti rilassi, inizi a entrare nel tuo personaggio e alla fine riesci persino a pensare come lui. E’ il meraviglioso lavoro che ciascun attore fa su se stesso ogni volta che si confronta con un nuovo personaggio.
Com’è il rapporto con i tuoi colleghi?
Direi bellissimo: arriviamo tutti da percorsi professionali molto diversi, con approcci differenti e esperienze diverse. Ma proprio questa diversità ha permesso a tutti di creare dei personaggi così difficili e nello stesso tempo affiatati.
Sono state fatte scelte registiche particolari?
Claudio (Insegno, il regista ndr) si è ispirato a una versione cinematografica spagnola: ridotta, più ironica e veloce rispetto al testo teatrale originale.

Andrea, grazie mille! A questo punto non ci resta che andare al Teatro Nuovo di Milano a vedere “Toc Toc”!

CAST:
Sandra Milo – Maria
Arianna – Bianca
Massimiliano Vado – Emilio
Guido Ruffa – Fedro
Alessandra Sarno – Lily
Andrea Beltramo – Otto
Nicoletta Nigro – Segretaria
REGIA: CLAUDIO INSEGNO

BOTTEGHINO TEATRO
Piazza San Babila
Dal lunedì al sabato dalle ore 10:00 alle 19:00
La domenica dalle 14:00 alle 17:00
la biglietteria riapre un’ora prima dell’inizio degli spettacoli
Tel. 02.794026 – prenotazioni@teatronuovo.it
PREVENDITE ONLINE: www.teatronuovo.it – www.ticketone.it
CONTATTI:
Facebook – @teatronuovomilano
Instagram – @teatronuovo_milano
Twitter – @TeatroNuovo
YouTube Teatro Nuovo Milano

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento