fbpx
Tag

scuola

Navigazione

Cronache di un (doppio) primo giorno di scuola

Tanto manca un sacco di tempo. Poi, dai uno sguardo al calendario e scopri che il giorno tanto atteso è arrivato. Sto parlando del primo giorno di scuola. Quest’anno, per me, speciale. Due inizi importanti (tutti gli inizi sono importanti, ndr): prima elementare per Carolina e prima media per Benedetta. Tralascio l’esaurimento nervoso che mi è venuto per portare a compimento le iscrizioni, i colloqui, i documenti, le scartoffie varie, le telefonate, etc etc. Concentriamoci sul grande momento. Sveglia presto, dopo una notte insonne…per me, eh, mica per loro! Alle 9 apertura dei cancelli della scuola media. Fuori un gruppo di ragazzini e ragazzine intimiditi con al seguito genitori tirati a lucido manco fosse un matrimonio. Ma si sa, la prima apparenza è quella che conta! Entriamo sorridendo a destra e manca, facendo finta di conoscere un sacco di gente (ciao, uè, tutto bene?, ma chi ti conosce…) e arriviamo…

Back to school al Fiordaliso

Settembre. Ripresa del lavoro. Degli impegni. Delle attività e… della scuola! Non fate i finti tonti! Non vedete anche voi l’ora che inizi la scuola, per far riprendere tutte le attività ai vostri figli e avere un attimo di respiro…o forse no?! In ogni caso tra pochisismi giorni suonerà la fatidica campanella: si riprendono in mano i libri, si fa la scorta di quaderni e pazienza e via, verso un nuovo anno. E questo significa anche scegliere il nuovo kit scolastico! Sì perché l’astuccio è diventato fuori moda, lo zaino troppo piccolo, le matite colorate troppo corte da temperare. Per non parlare del diario, elemento distintivo della personalità di ogni bambino e ragazzo che ne conterrà i compiti ma anche i pensieri più segreti, da risfogliare una volta cresciuto. Tutto questo può essere tranquillamente trovato al Fiordaliso, uno tra i centri commerciali più rinomati del panorama milanese: 130 negozi dei…

La scuola è finita, andate in pace

In pace??? La fine della scuola segna per tutti i bambini il momento più atteso e bello dell’anno. E per molti genitori l’inizio del delirio. Venerdì scorso è suonata l’ultima campanella per moltissimi studenti e così è stato anche per Benedetta, mia figlia, la grande. L’ultima campanella dell’ultimo anno di elementari. Per loro un momento misto di gioia e tristezza: una classe unita, affiatata e dispiaciuta di lasciarsi definitivamente. E’ stato davvero un bel momento, emozionante, carico di valori come l’amicizia, la condivisione, l’altruismo. Un capitolo chiuso. Un inizio nuovo. E in mezzo? Le vacanze!!! Già, per i bambini partono i fatidici tre mesi di stop, per i genitori qualche problemuccio c’è…soprattutto se si è genitori lavoratori, per cui il tempo libero è davvero poco. Qua si presentano due squadre ben distinte di genitori: 1. quella che ha a disposizione i nonni. Decisamente la più fortunata. Loro sorridono alla fine…

Iscrizioni a scuola: bene, ma non benissimo

Quest’anno era iniziato con un pensiero atroce in testa: Daniele, devi iscrivere le tue figlie a scuola. Infatti, Benedetta a settembre andrà in prima media, Carolina in prima elementare. E fin qui, nulla di strano, mi pare. Eh no! Chi non ha mai provato a iscrivere un figlio a scuola, non può capire la difficoltà e il senso di frustrazione che questo compito, così carico di responsabilità, ti vomita addosso. Prima c’è il passaggio “Iscrizioni online” sul sito del Ministero dell’Istruzione, per gli amici Miur. Miur è un tipo simpatico, carino, si presenta colorato e amichevole, ma poi al momento del bisogno ti svela tutta la sua crudeltà. Compilare il form per iscrivere un figlio a scuola è quanto di più complicato ci sia (avrò segnato giusto? Chissà che intendeva con questa domanda!). E quest’anno, con un tempismo da premio Nobel, a tutto questo si è aggiunto il famoso “errorino”,…