fbpx

Grazie al mio amico Alessandro ho scoperto le tradizioni del mondo in occasione della Pasqua!
Alessandro, che ha 10 anni e mezzo e frequenta la quinta elementare, mi ha scritto questo bellissimo post che condivido con grande piacere con tutti voi.

Dany, lo sapevi che…

… la Pasqua è la festa più importante per i Cristiani e gli Ebrei?
Gli Ebrei nel giorno di Pasqua ricordano la liberazione dalla schiavitù egiziana. Pranzano con alimenti particolari perché ogni alimento rappresenta i dolorosi momenti della schiavitù.
I Cristiani, invece, ricordano la risurrezione di Gesù, avvenuta all’alba del terzo giorno da quando Gesù è stato arrestato.

I Paesi nordici (Danimarca, Svezia, Finlandia) decorano le proprie abitazioni e anche le attività commerciali. E’ tradizione mangiare il “mammi”, un budino di segale e il pasha, un formaggio molto goloso.

In Spagna, invece, è molto sentita la domenica delle Palme decorate con un rosario di zucchero e dolci.

Se ci spostiamo in Inghilterra troviamo la tradizione di mangiare un dolce tipico chiamato “hot cross buns”, piccole brioches con uvetta e cannella decorate con una croce di glassa per ricordare la passione di Cristo.

In Bulgaria, nei giorni precedenti la Pasqua si fanno grandi pulizie nelle case, si cucinano i “kozunaks” e si colorano uova: il primo uovo deve essere colorato di rosso, perché possa portare la salute. A mezzanotte del Sabato Santo la gente si scambia gli auguri e le uova di Pasqua.

Per i bambini della Germania il simbolo della Pasqua è rappresentato da un “coniglietto“. I bimbi abbelliscono le finestre con disegni di coniglietti, uova e altri motivi. Nei vasi mettono alcuni rami che poi addobbano. La domenica di Pasqua è il giorno in cui i bambini vanno alla ricerca delle uova (I genitori nascondono nel giardino o in casa delle uova di cioccolato).
Altra tradizione sono i fuochi di Pasqua, il cui costume vive ancora specialmente nella Germania settentrionale, e che offrono uno spettacolo notturno veramente affascinante. Particolare curioso è che il fuoco di Pasqua deve essere acceso con mezzi naturali, cioè con la silice o strofinando due pezzi di legno, o con una grossa lente; qualche volta i lumi delle chiese vengono spenti e poi riaccesi con la fiamma di questo “fuoco sacro”.
Anche alle ceneri vengono attribuite proprietà soprannaturali: esse vengono sparse dai contadini per i campi per propiziare il buon raccolto e simboleggiano la fine dell’inverno e la venuta della primavera.
Il pranzo pasquale è quasi sempre a base di agnello e anche il dolce tradizionale ha la forma di un agnello.

In Grecia nella notte di Pasqua suonano le campane. I fedeli si recano in chiesa, che è tenuta al buio, ed accendono la candela che recano con sé e che poi porteranno a casa. Dopo giorni di rigoroso digiuno, si pranza con la “soupa mayeritsa” accompagnata da riso alla greca, con le uova colorate di rosso, con il pane pasquale e la tipica “Maghiritsa“, una zuppa fatta con le interiore dell’agnello.

A Pasqua, in Russia, tutti gli occhi sono puntati sulla cittadina di Sagorsk, dove risiede il pope di Mosca e di tutta la Russia.
Il rito pasquale incomincia a mezzanotte di sabato con una processione attorno alla cattedrale. La mattina del giorno di Pasqua la famiglia Russa si reca sulla tomba di un parente e lì consuma un picnic.
Alla sera si fa un banchetto con diversi tipi di carne, pesce e funghi, dove non manca il “Pabcha”, un piatto sostanzioso a base di quark e il panettone pasquale chiamato “Kulitch” accompagnato dalla ricotta dolce.
In Russia le uova sode vengono colorate di rosso, simbolo di nuova vita ottenuta mediante il sacrificio di Cristo.

Autore

Lavoro nella comunicazione, sono blogger per passione, ma prima di tutto un papà... imperfetto!

Scrivi un commento