fbpx
Tag

consigli

Browsing

Trama la luce delle stelle Una sera uguale alle altre, in uno sperduto osservatorio astronomico. La luce delle stelle illumina, ma non abbastanza, la piccola comunità di scienziati residenti che si trova alle prese prima con un black-out, forse un sabotaggio, e poi con un cadavere trovato nella sala comune, forse un assassinio: la vittima potrebbe essere caduta da una balaustra, o essere stata spinta. L’osservatorio è isolato, i telefoni sono muti, i cellulari non prendono, i copertoni delle automobili sono stati tagliati e la città più vicina, se si riesce ad attraversare il deserto, si trova a due ore di macchina. Come in una macabra barzelletta, due italiani – Gabriele, che ha appena finito il dottorato, e Pinetta, che ancora lo sta finendo –, un’americana – Samantha, star dell’astrofisica mondiale –, un inglese – Matt, pettegolo come una suocera – e una sudamericana – Mariela, medico dell’osservatorio – si…

Fresco di uscita nelle librerie, Buonanotte Tōkyō è il nuovo romanzo di Yoshida Atsuhiro. Una lettura poetica, che vi accompagna nelle strade notturne di Tōkyō, raccontando storie di personaggi veri, tangibili, che si intrecciano come in un’elegante danza. Di che cosa parla Buonanotte Tōkyō Buonanotte Tōkyō è un intreccio armonioso di storie: c’è il “grande investigatore Shuro” sulle tracce del suo passato, Eiko, ragazza di provincia alla prima esperienza cinematografica, il tassista notturno Matsui che insegue il ricordo di una donna a bordo della sua vettura blu, il distributore di giornali Kōichi, esperto di corvi urbani e la sua fidanzata riluttante, Mitsuki, che fornisce attrezzature per film. Ma non sono gli unici. Ognuno di questi personaggi ci conduce all’interno della sua vita e ci racconta le proprie emozioni, i propri pensieri, le proprie ansie e aspettative. Persone indaffarate e allo stesso tempo sognatrici, a volte stravaganti, tutte in cerca del…

“Come organizzi il tuo frigorifero?”…questa è una delle domande che spesso mi hanno fatto, sottintendendo “tu che sei un uomo”! In effetti, non mi posso definire il perfetto casalingo, soprattutto in cucina, ma qualche consiglio me lo sono appuntato. Una corretta sistemazione del cibo all’interno del frigorifero può influire sulla corretta conservazione e anche sull’efficienza energetica.Il frigorifero è infatti dotato di un numero variabile di ripiani e comparti, ciascuno dei quali serve per uno scopo specifico, in base alle diverse temperatura e umidità delle singole zone, più o meno vicine alla bocchetta di refrigerazione. Regole generali Non riempire troppo il frigorifero, perché consumerà più energia elettrica e il raffreddamento sarà in ogni caso meno efficiente. Di conseguenza, sarà consigliabile non abbondare con la spesa e soprattutto non dimenticare cibo in frigo per lungo tempo: è sempre meglio consumare il cibo quando è molto fresco e non a ridosso della scadenza. Un trucco? Riponi i cibi comprati…

Il tempo in casa sta diventando davvero lungo e i bambini iniziano a diventare insofferenti (come non capirli!). Ecco perché oggi voglio condividere queste informazioni che arrivano dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca. I bambini a casa manifestano agitazione, irritabilità e difficoltà di concentrazione. Questi sono tutti segnali di una frustrazione che i genitori si ritrovano a dover gestire, anche loro spesso occupati tra lavoro e casa oppure inattivi, in attesa della riapertura delle aziende. Cristina Riva-Crugnola è professore associato di psicologia dinamica in Bicocca; da lei arriva qualche consiglio pratico su come gestire al meglio i bambini a casa in questa situazione difficile. Cercare di ri-creare delle piccole routine. Fondamentale per i bambini è avere piccoli momenti a cui potersi attaccare come piccole ancore rassicuranti: “ci alziamo, facciamo colazione, giochiamo..”Incentivare e valorizzare i contatti sociali per attenuare l’isolamento. Per i più piccoli, questo può avvenire attraverso videocollegamenti di saluto con le educatrici, per i più grandicelli…

Oggi vi parlo di un problema più frequente di quanto pensassi: i denti da latte nei bambini. Sul blog del Dott. Dario Cianci, medico odontoiatra, ho trovato un interessante post che ci spiega l’importanza e le tempistiche della caduta dei dentini nei bambini.Carolina, che ha 7 anni e mezzo, non ha ancora perso neanche un dentino: c’è da preoccuparsi? E’ normale? Va fatta vedere? Dottore, cosa succede se… La caduta dei denti tarda ad avvenire?I denti da latte sono temporanei e preparano le arcate dentali ai denti permanenti. Perciò se la permuta è tardiva, questo causerà dei problemi strutturali e di spazio ai denti permanenti. E questi due fattori negativi insieme generano le cosiddette “malocclusioni” dentali (argomento che tratteremo in un altro articolo). E’ bene perciò consultare subito il dentista che valuterà se intervenire “manualmente”, estraendo i denti da latte “pigri”.La caduta dei denti da latte è precoce, prima dei 6 anni?Anche in questo caso è bene portare il bambino dal dentista per un controllo. Una permuta precoce in alcuni casi è fisiologica allo sviluppo precoce di tutto il corpo, ma…

Lavorare da casa? Smartworking?E chi ci aveva mai pensato! Eppure molti di noi me compreso, in queste ore, stanno vivendo una situazione particolare: il Coronavirus ha costretto molte aziende a optare per lo smartworking, il lavoro da casa, così da evitare presenza di molte persone in un unico luogo, scoraggiando la diffusione del virus. Eccomi, anzi eccoci qua, quindi a fare i conti con giornate sicuramente piacevoli, perché siamo a casa nostra, ma più difficili da gestire, in quanto non abituati. Personalmente, ho cercato di fare il punto della situazione delle cose da fare e di darmi regole precise da rispettare. Il rischio altrimenti potrebbe essere quello di distrarsi troppo ed essere meno efficienti. Vi riporto qui le mie 8 regole per lavorare bene da casa. Poi ditemi che ne pensate! Prepara un’area di lavoro funzionale. E’ importante avere il giusto spazio e tutto ciò che ti serve a portata…

State facendo il countdown per la fine della scuola? Ancora pochissimi giorni e si scatenerà la ricerca frenetica del “dove li metto ora?”!!! Diamo per scontato che durante la settimana i bambini siano già organizzati in attività di vario genere (oratori estivi, campi estivi, nonni estivi, etc.); nel weekend sarebbe sicuramente ideale poter fuggire dalla città per dare respiro a loro, ma anche a noi genitori.Se il mare è troppo lontano, un’ottima alternativa è la montagna.Qui si possono organizzare davvero tante attività: pic-nic, passeggiate, giochi all’aperto, cacce al tesoro, visite a fattorie didattiche. Sono solo alcune idee…sicuramente il primo passo è trovare un alloggio che non sia troppo costoso, ma che sia adatto ai bambini. Se siete in zona nord Italia, vi consiglio caldamente l’Agriturismo Trapletti a Serina (Bergamo). La struttura è stata recentemente ristrutturata, ha una grande terrazza panoramica ed è circondata da profumate coltivazioni di piccoli frutti: more,…