fbpx
Tag

Slider

Browsing

Trama la luce delle stelle Una sera uguale alle altre, in uno sperduto osservatorio astronomico. La luce delle stelle illumina, ma non abbastanza, la piccola comunità di scienziati residenti che si trova alle prese prima con un black-out, forse un sabotaggio, e poi con un cadavere trovato nella sala comune, forse un assassinio: la vittima potrebbe essere caduta da una balaustra, o essere stata spinta. L’osservatorio è isolato, i telefoni sono muti, i cellulari non prendono, i copertoni delle automobili sono stati tagliati e la città più vicina, se si riesce ad attraversare il deserto, si trova a due ore di macchina. Come in una macabra barzelletta, due italiani – Gabriele, che ha appena finito il dottorato, e Pinetta, che ancora lo sta finendo –, un’americana – Samantha, star dell’astrofisica mondiale –, un inglese – Matt, pettegolo come una suocera – e una sudamericana – Mariela, medico dell’osservatorio – si…

Si può restare davvero sconnessi per un giorno? È la sfida che sta alla base del Sconnessi Day che si celebra il 22 febbraio. Sconnessi Day Si tratta di una giornata nazionale che celebra l’importanza di disconnettersi dal mondo digitale e riconnettersi alla vita reale almeno per un giorno. Libri, sport, attività all’aria aperta o in casa: tutto ciò che permette di scollegarsi e riappropriarsi del proprio tempo libero! Un’operazione di digital detox di 24 ore per liberarsi di smartphone e computer e prendere consapevolezza di come la connessione a Internet impatti e influenzi la quotidianità di ciascuno. Che cosa fare? Essere sconnessi non significa necessariamente fare qualcosa. A volte annoiarsi un po’ non guasta!Però esistono sicuramente attività che possono aiutare a stare bene, senza schermi e messaggi. Ottimo per l’umore e per la mente. Facendo riposare il cervello e trascorrendo del tempo all’aperto si contribuisce a migliorare la memoria.…

Fresco di uscita nelle librerie, Buonanotte Tōkyō è il nuovo romanzo di Yoshida Atsuhiro. Una lettura poetica, che vi accompagna nelle strade notturne di Tōkyō, raccontando storie di personaggi veri, tangibili, che si intrecciano come in un’elegante danza. Di che cosa parla Buonanotte Tōkyō Buonanotte Tōkyō è un intreccio armonioso di storie: c’è il “grande investigatore Shuro” sulle tracce del suo passato, Eiko, ragazza di provincia alla prima esperienza cinematografica, il tassista notturno Matsui che insegue il ricordo di una donna a bordo della sua vettura blu, il distributore di giornali Kōichi, esperto di corvi urbani e la sua fidanzata riluttante, Mitsuki, che fornisce attrezzature per film. Ma non sono gli unici. Ognuno di questi personaggi ci conduce all’interno della sua vita e ci racconta le proprie emozioni, i propri pensieri, le proprie ansie e aspettative. Persone indaffarate e allo stesso tempo sognatrici, a volte stravaganti, tutte in cerca del…

Che gli adolescenti siano iperconnessi non è una novità. Che lo siano anche gli adulti, nemmeno. Forse quello su cui noi genitori dovremmo interrogarci è: quali sono i rischi più evidenti a cui i giovani sono esposti quando usano a lungo i social media? Come rendere Internet un luogo sicuro e positivo? Il contesto La connessione online è diventata una parte integrante e necessaria della vita quotidiana, acuitasi ulteriormente in seguito al primo lockdown: costretti a trascorrere molto tempo a casa, i più giovani, soprattutto, si sono allontanati dal mondo reale e si sono avvicinati ancora di più a quello virtuale. Si stima infatti che gli adolescenti trascorrano in media circa 7 ore al giorno online, principalmente per attività legate al consumo di contenuti video e alla comunicazione con i propri coetanei. È innegabile, dunque, che se da un lato le nuove tecnologie hanno salvaguardato la socialità, permettendo a tutti…

Tema delicato questo! Papà e faccende domestiche, papà e aiuto in casa, papà e aiuto con i figli: quando sento certe dichiarazioni, studi, opinioni mi vengono i brividi. D’altro lato, però, bisogna guardare alla realtà: ancora oggi ci sono papà che fanno fatica a considerarsi al pari delle mamme e non solo in termini di genitorialità, ma anche in termini di gestione del quotidiano. Ho letto recentemente questo studio, il report del State of the World’s Fathers 2023 riportato da The Guardian: l’indagine, svolta in 17 paesi su un campione di circa 12mila persone, mostra un quadro in cui gli uomini si dichiarano desiderosi di aumentare il loro impegno nelle faccende domestiche. Gli uomini non aiutano in casa Secondo lo studio, spesso sono frenati da motivi sociali ed economici. Pesa in particolare il salary gap, a causa del quale gli stipendi degli uomini in tutto il mondo sono un quinto…

“La mia prediletta” di Romy Hausmann (Giunti editore) è un thriller psicologico capace di tenere il lettore incollato alle pagine fino alla fine. Cercavo un romanzo avvincente, ma non riuscivo a decidermi su che cosa leggere; così mia figlia Benedetta, 16 anni, mi ha consigliato “La mia prediletta” e aveva proprio ragione! La trama In una notte gelida, un’ambulanza porta in ospedale una donna investita da un’auto sul ciglio del bosco. È incosciente e senza documenti. Con lei c’è una bambina dalla pelle bianchissima e gli occhi di un azzurro glaciale. L’unica informazione che riesce a dare su sua madre è che si chiama Lena. A poco a poco, però, lo strano comportamento della piccola insospettisce i medici. Non conosce il suo cognome, né il nome di suo padre, né l’indirizzo di casa: vivono chiusi in una capanna perché «nessuno li deve trovare». E il terrore sale quando la bambina…

La Malizia del vischio di Kathleen Farrell è un classico romanzo di Natale con l’aggiunta di qualche ingrediente speciale: atmosfere rétro, battute al vetriolo e una sfilata di personaggi in cui ogni lettore ritroverà qualcosa di sé. Dove si svolge “La malizia del vischio” Siamo in una villetta sulla scogliera del Sussex, con il mare in tempesta, il vento che sbatte sulle finestre, il profumo di dolci natalizi che inebria il salotto e gli immancabili parenti serpenti che vorrebbero essere ovunque tranne che in quella casa. La stanza era in attesa, e la tensione di sapere che l’arrivo dei visitatori era imminente le fece arricciare le dita contro i palmi delle mani Ma si sa, la convivenza forzata riserva sempre delle sorprese: si parla, si tirano fuori argomenti del passato e basta una piccola scintilla, una parola detta nel modo sbagliato, a scatenare situazioni imbarazzanti o piccoli colpi di scena. Chi sono i protagonisti La malizia è la vera caratteristica della…